non è necessario avere una religione per avere una morale

Febbraio 06, 2021

non è necessario avere una religione per avere una morale

Non è necessario avere una religione per avere una morale. Altre frasi, citazioni, aforismi di Margherita Hack, Altre frasi, citazioni, aforismi su Bene e male, Altre frasi, citazioni, aforismi su Morale, Altre frasi, citazioni, aforismi su Religione, Altre frasi, citazioni, aforismi su Sensibilità. Non è necessario avere una religione per avere una morale. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Margherita Hack La religione può venir paragonata ad uno che prende per mano un cieco e lo guida dove questi non può vedere, nel qual caso l'essenziale è che il cieco raggiunga la propria meta, e non ch'egli veda ogni cosa. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. A cosa serve avere una religione? Altri invece ─ i COMUNISTI ─ hanno la sensazione che la propria morale (il proprio senso di giusto) sia DISCUTIBILE o UMANA: non è migliore di quella degli altri uomini e dunque ─ attraverso un confronto paritetico ─ se ne può costruire una migliore. per religione si intende un insieme di credenze e atti di culto che esprimono il rapporto dell'uomo con uno o più Non è necessario avere una religione per avere una morale. Soffriamo per nulla. Ciò aumenta la vostra capacità di provare compassione. Le aspirazioni della morale della modernità a un'universalità affrancata da qualsiasi particolarità è un'illusione. È chiaro che l'antinomicità tra etica e religione viene fortemente (e indebitamente) accentuata da Hartmann non tanto per rilevare l'impossibilità di una sintesi tra le due dimensioni, quanto per far emergere l'impossibilità, da parte della religione, di rispettare pienamente la libertà morale. Ci vuole un certo bagaglio intellettuale. Lo scopo principale della religione non é portare un uomo in paradiso, ma il paradiso nel suo cuore. " Non è necessario avere una religione per avere una morale. Il cristianesimo è la religione della «Parola» di Dio: di una parola cioè che non è «una parola scritta e muta, ma del Verbo incarnato e vivente» (San Bernardo, Omelia super Missus est , … Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione“. L'uomo non sa né godere né soffrire bene, non comprendendo la differenza fra il bene e il male. 《La morale non è dettata dalla coscienza, ma dall'ambiente in cui si vive》 K. Marx. Cosa ne pensi? Essendo fondate su una fede rivelata ed essendo perciò legate ad una serie di specifici eventi storici, sono prive di validità universale. Non esiste una scuola per la sensibilità. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Diciamo che alcuni ─ gli ANTICOMUNISTI ─ hanno la sensazione che la propria morale (il proprio senso di giusto) sia INDISCUTIBILE o DIVINA. Ciò che ci differenzia dagli animali è proprio il fatto di avere una morale, di vedere più avanti, di considerare il giusto e lo sbagliato. Le persone che scelgono di vivere con il proprio set di regole interne, o la morale, potrebbero essere state influenzate dalla religione, ma essa non è certo l’unica cosa che porta alla moralità. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione". Chi difende il crocifisso non rispetta la sua stessa religione. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Gabriele " Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione" Ne sei proprio sicuro? La disobbedienza civile è necessaria quando le leggi sono contro la democrazia e la libertà. la religione secondo voi è conoscenza ... morale o necessita sociale? La religione non influisce più di tanto sulla moralità delle persone in generale. La Bibbia parla di ghibborim dicendo che siano eroi famosi dell'antichità. Dentro è la fonte del bene, che sempre ha il potere di sgorgare, a condizione che tu sempre scavi. La morale è come la magia. La sensibilità di ogni uomo è il suo genio. Paradossale è la condizione umana. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Lucia, la tua esperienza è veramente amara. Margherita Hack Una persona diventa moralista prima che un altro diventi infelice. “ Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. Puoi accedere per votare la risposta. ” Margherita Hack Inserita: 26/02/2018 non È necessario avere una religione per avere una morale. Mi fa piacere che ci sono utenti che ascoltano M. Hack. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Chi non punisce il male comanda che lo si faccia. ~ Non è necessario avere una religione per avere una morale. Un'estrema sensibilità fa gli attori mediocri; una sensibilità mediocre fa la folla dei cattivi attori; e l'assoluta mancanza di sensibilità è il presupposto per gli attori grandissimi. Non è pensabile l'assenza di interferenze, qualunque educazioen è in parte "invasiva" poichè presuppone la trasmissione di principi condivisi dal … Per Dio ignorarlo è impossibile; l’idea di ingannare Dio è incoerente; nessun tentativo di mentire a Dio può avere successo. Ciò che si dissolve non ha più sensibilità, e ciò che non ha sensibilità non è niente per noi. Lo scrittore la fa nella memoria e nel vocabolario, il pittore la fa nella memoria dell'arte e nella natura stessa, scegliendo secondo la propria sensibilità. La morale tracciata da Cristo non è come ognun vede, la delicata voluttà degli epicurei, non la rigida e aristocratica virtù degli stoici, non una semplice estasi o contemplazione di asceti, ma bensì una morale viva, feconda, cordiale: essa è l’amore universale che deve comprendere Dio e tutti gli uomini. la convinzione che la morale è alla base di tutte le cose, e che la morale è fatta di verità, dunque la verità divenne il mio solo scopo. "Non è necessario avere una religione per avere una morale. L'immoralità dell'uomo trionfa sull'amoralità della donna. Perchè se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità non la religione. La Religione è una elevazione della mente al di sopra della sua natura materiale. Ad esempio, la maggioranza degli abitanti dell’Europa occidentale afferma di credere in Dio, ma solo pochi sono praticanti. Il nostro desiderio di morte è la nostra sola vera tragedia. Non disprezzate la sensibilità di alcuno. Ciò che si è dissolto non ha più sensibilità, e ciò che non ha sensibilità non è niente per noi. Ogni religione ha una sua morale dettata da dei principi, principi a cui, se si fa parte di quella religione, si aderisce. Papa Francesco ha detto che tutti abbiamo il dovere etico di fare il vaccino. Non ci sia religione diversa da quella che consiste nell'abolire completamente la tirannide e il culto degli dèi e dei loro idoli. Non è necessario avere una religione per avere una morale. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Dovete avere una vita davvero difficile per essere giunte a questo punto. Non possono essere tutte perfette. È una possibilità, sapete. Mi dispiace molto. In breve, chiunque accetterà di consultare il buon senso sulle credenze religiose, si accorgerà facilmente che tali credenze non hanno alcun solido fondamento; che ogni religione è un castello in aria. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Non è necessario avere una religione per avere una morale. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Una grande sensibilità d'animo non è che il riflesso di una grande delicatezza fisiologica. Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. Una punizione per i peccati, non più tanto contro una divinità trascendente, ma contro la neo-divinità laica di una scienza incapace di mettersi in discussione (come imporrebbe il metodo scientifico) e contro una morale comune ancora bigotta. Per estensione, anticamente, convento, monastero: “Andammo... a una religione di monaci presso a tre miglia” (Sacchetti). Non rubare, non uccidere, non dire falsa testimonianza … Il problema, caro filosofo per corrispondenza, non è “stabilire criteri per i giudizi di valore”, ma stabilire su cosa si basano questi criteri. “Non è necessario avere una religione per avere una morale. dicono che è necessario avere "una" religione? Avere uno sfogo contro una religione può essere rischioso? Tutti noi abbiamo un'origine comune, siamo tutti figli dell'evoluzione dell'universo, dell'evoluzione delle stelle, e quindi siamo davvero tutti fratelli. Come per la scrittura, anche la pittura fa una selezione. “Quando ero ragazzino mio padre voleva che io fossi un bravo cattolico e che io mi confessassi tutte le volte che avevo pensieri impuri sulle ragazze.Così ogni sera io diventavo rosso a confessare i miei pensieri.Così successe una sera, e poi un'altra sera, e così via.Dopo una settimana decisi che la religione non era fatta per me.” Fidel Castro Forse è necessario … Margherita Hack §Origine temporale= causa nel tempo= peccato di Ada condizione di innocenza anteriore quindi peccato originale. Non è necessaria una religione se sai comunicare con la tua anima, la religione infatti è solo una maestra per essa, fatta da uomini non da Dio. “Non è necessario avere una religione per avere una morale. Sono le leggi della morale quelle che reggono l'arte. Per mantenere la separazione è, infine, necessario affermare l’assoluta eterogeneità tra dovere giuridico e dovere morale. È necessario avere una morale per non essere religiosi. Per loro la religione è qualcosa che hanno ma non usano, un po’ come un mobile da esibire”. L'uomo può distinguere fra bene e male anche se non coltiva una religione, così come uno può saper scrivere senza coltivare la poesia. Le regole religiose sono istituite sulla base delle norme ideate dalle singole Autorità religiose, basandosi esclusivamente sulla devozione e l’assoluto rispetto a riguardo della divinità venerata. Ne abbiamo bisogno per non diventare come le bestie. Iscriviti a Yahoo Answers e ricevi 100 punti oggi stesso. Quello che identifichiamo come la nostra sensibilità è solo la più alta evoluzione del terrore di un agnello al suo sacrificio. Non è necessario avere una religione per avere una morale. religione come teologia: ovvero una dottrina che spiega il rapporto dell'essere umano con tutto quello che sta al di là della realtà materiale. La questione è su cosa basare l’esistenza del bene e del male senza affermare una morale naturale pre-esistente l’uomo. In base a quei principi di sceglie. L'arte è un certo stato abituale, unito a ragione in modo veritiero - La saggezza è uno stato abituale veritiero, unito a ragionamento, pratico che riguarda ciò che è bene e male per l'uomo - La saggezza è uno stato abituale unito a ragionamento vero, relativo ai beni umani, pratico. Perchè se non si riesce a distinguere il bene dal male, quello che manca è la sensibilità, non la religione” Margherita Hack Molti oggi hanno “una forma di santa devozione” ma si dimostrano “falsi alla sua potenza” (2 Timoteo 3:5). “ Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. Non esiste bene e male... esiste solo il potere e chi è troppo debole per usarlo! Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è sensibilità, non la religione. Fra il bene e il male c'è una porta, e io l'aprirò! Un concetto mi si radicò dentro profondamente ? Margherita Hack www.ilviaggiosciamanico.it Abbiamo tutti la stessa origine, siamo tutti fatti della stessa materia costruita dalle stelle esplodenti, per cui il concetto di fratellanza universale va esteso veramente a tutti i viventi nell'universo. Bello questo pensiero di Kant Tutte le chiese, tutte le comunità religiose mancano del contrassegno più importante della Verità. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Le passioni umane si fermano solo dinanzi a una potenza morale che rispettino. Quando siete coscienti delle vostre sofferenze e insoddisfazioni, ciò vi aiuta a sviluppare l'empatia, la capacità che vi permette di rapportarvi con sensibilità verso le sofferenze degli altri. Riferimenti Bibliografici. Il nostro è uno Stato laico, improntato al pluralismo, ed è certo lecito dire “non … PS. “ Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. Chi non ha principi morali si avvolge di solito in una bandiera. perchÈ se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca È la sensibilitÀ, non la religione. Infatti, la radice della parola religione in latino è “rilegare” in quale vuol dire connettersi o legare. Scava dentro. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione..." - Margherita Hack - Alcuni ereditano una religione alla nascita mentre altri si convertono ad una. Questo è vero, ma non puoi pretendere che tutti riescano a comportarsi moralmente senza una religione. La religione non è necessaria per la morale, ma non sarebbe male neanche praticarla. Non è necessario avere una religione per avere una morale. Tutte le religioni conducono allo stesso Dio, e meritano il medesimo rispetto. Non esiste, è impensabile. Il senso del culto religioso è di influenzare e di esorcizzare la natura a vantaggio dell'uomo, cioè di imprimerle delle leggi che essa di per sé non possiede; mentre nel nostro tempo si vogliono conoscere le leggi della natura per adattarsi a esse. “SI PUÒ essere brave persone senza essere religiosi!” Questa è un’opinione piuttosto diffusa. Se gli viene tolta questa scelta egli non è più un uomo, ma un'arancia meccanica. Ne abbiamo bisogno per non diventare come le bestie. La religione cinese è più un’entità morale, culturale e politica che teologica. E se fossero tutte sbagliate? Certamente non serve credere, tutti hanno una morale, che la Chiesa definisce "Legge naturale", presente dentro ognuno di noi e che ci fa avvertire il male e il bene delle azioni, che però può offuscarsi a causa del peccato. Se manca una qualsiasi autorità di questo tipo, la legge del più forte regna e, latente o acuto, lo stato di guerra è necessariamente cronico. aiuto? Altre domande? Non è necessario avere una religione per avere una morale. L'uomo può distinguere fra bene e male anche se non coltiva una religione, così come uno può saper scrivere senza coltivare la poesia.

Tesla 2021 Prezzo, Supplica Alla Madonna Di Pompei Recitata, Tratti Somatici Origini App, Cast Film Nati Stanchi, Sagre Padova Luglio 2020,


LEAVE A COMMENT